Sex & Disabled People

cover
Siamo raggiunti in continuazione da folate di immagini che fanno sembrare tutto perfetto e desiderabile. Ogni luogo sembra un sogno, ogni cibo delizioso, ogni corpo seducente. E noi fiatiamo per accontentarci. Come se le immagini delle cose fossero più importanti delle cose stesse e la vita fuori dallo schermo non valesse un granché. Alla base sta un’idea inquietante: che ci possa essere un giusto e uno sbagliato in quello che cade sotto i nostri occhi. La verità, per fortuna, è che la bellezza non si misura. La seduzione non segue regole. Ogni corpo non è che il racconto della propria irriducibile singolarità. È di queste cose che parla Sex & Disabled People, il testo teatrale che nasce dall’incontro fra Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi. Il tono scanzonato dell’una si completa con quello riflessivo dell’altra a comporre una partitura forte, capace di condurci per mano – una lezione dopo l’altra – in un vero e proprio condensato di erotismo su sedia a rotelle. Di colpo ci rendiamo conto di come la vita vera sia tutt’altro che una collezione di immagini stucchevoli e ritoccate. E ancora una volta la letteratura assolve a un compito all’apparenza paradossale: farci conoscere la realtà più di quanto possa farlo la realtà stessa.

Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi, Sex & Disabled People, Papero Editore 2015

Le recensioni a Sex & Disabled People di Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi sono in RASSEGNA STAMPA. Altro materiale sul libro è disponibile nella sezione EXTRA.